Vai al contenuto

La penisola Sorrentina

La Penisola Sorrentina è una penisola italiana protesa nel Mar Tirreno nella regione Campania. Sul lato che affaccia nel golfo di Napoli costituisce la Costiera Sorrentina, mentre nel lato che dà sul golfo di Salerno forma la Costiera Amalfitana.

È ricca di zone famose per le loro bellezze storiche e naturali. Tutte le località della penisola hanno un’antica e consolidata vocazione turistica e sono conosciute in tutto il mondo.

Il territorio è completamente attraversato dalla catena montuosa dei Monti Lattari, che degradando verso il mare terminano con la località di Punta Campanella. Di fronte a Punta Campanella, a poche miglia marine, c’è l’isola di Capri che un tempo era attaccata alla Penisola Sorrentina e attualmente ne rappresenta un ideale proseguimento.

La penisola è un lembo di terra che segue una retta che va da nord-est a sud-ovest verso il mare ed i monti Lattari sono la dorsale di questo lembo di terra.

Penisola Sorrentina

La Costiera Amalfitana è il tratto di costa situato ad est della penisola sorrentina e si affaccia sul golfo di Salerno e si estende da Positano, confinante con la città metropolitana di Napoli, a Vietri sul Mare, confinante con Salerno. Vietri sul Mare è considerata la porta della costiera mentre la piccola città di Cava de’ Tirreni è la porta dalla quale si accede sulla costa dalla Valle Metelliana. È da quest’ultima che ha inizio l’Alta Via dei Monti Lattari, precisamente dalla frazione del Corpo di Cava. Il comune di Tramonti, il polmone verde della penisola, invece è la porta di accesso dall’agro-nocerino-sarnese verso la valle dell’omonino comune che termina a Maiori.

La costiera Amalfitana è riconosciuta come Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO nel 1997 ed è rinomata in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica. Prende il nome dalla città di Amalfi, una delle antiche Repubbliche Marinare, e tutti i comuni di cui ne fanno parte sono Amalfi, Atrani, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti e Vietri sul Mare.

Sul tratto di costa a nord è presente la Costiera Sorrentina che si affaccia sul Golfo di Napoli, delimitato ad ovest da Sant’Agata sui Due Golfi, frazione di Massa Lubrense, che funge da divisoria tra la costiera sorrentina e quella amalfitana e a nord-est da Vico Equense. I comuni che appartengono a questo lato di costa sono Massa Lubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento, da cui prende il nome la costa, e Vico Equense. Per accedere da Napoli a questo splendido tratto di costa è possibile attraverso Castellamare di Stabia.

Fanno da sfondo in questo splendido mare sempre le isole di Capri, Ischia e Procida ed incoronano la costiera, basta buttare un occhio per vederle dall’alto cielo della via dei Monti Lattari. Nei giorni limpidi e con poca foschia puntando lo sguardo verso sud-est è sempre visibile la sagoma dei monti del massiccio di Monte Stella Cilento, Monte Tresino, Monte Licosa e l’estrema punta del golfo di Salerno punta Licosa. Verso l’entroterra ci accompagna sempre verso nord la cima dormiente del vulcano Vesuvio, altro punto di riferimento sempre visibile.

Fare escursioni e trekking in Penisola Sorrentina è diverso da qualsiasi altro tipo di attività che tu abbia mai provato prima. Alcune parti dei sentieri sono costole rocciose e ripide, mentre altre sono piacevoli sentieri per passeggiate su una terrazza marina. Indipendentemente dal percorso che scegli di percorrere, vivrai panorami mozzafiato, aria fresca e storia. La parte migliore delle escursioni in Costiera Amalfitana è proprio il fatto che non ti trovi mai in ​​una posizione remota. E mai nella stessa posizione. Puoi rimanere nelle città vicine o visitare più città in un unico viaggio, decidere di scalare qualche vetta o rimanere a valle a tuffarti dagli scogli.

Di grande importanza per la salvaguardia del territorio è l’Area Naturale Marina Protetta Punta Campanella che comprende il promontorio tra costiera sorrentina ed amalfitana che divide i due golfi e si estende tra i comuni di Massa Lubrense e Positano. La riserva protegge circa 40Km di costa ed il mare antistante. I punti di estremo interesse sono stesso Punta Campanella che è situata alla punta della propaggine alle basi del Monte San Costanzo e l’Area Marina della Baia di Ieranto che è gestita dal FAI.

In un piccolo lembo di terra è concentrato tanto valore storico, artistico e naturalistico che merita di essere scoperto ed esplorato.

error: I contenuti altaviadeimontilattari.it sono protetti da copyright